TERMINI IMERESE (Pa) * Il venerdì santo

Ogni anno la processione del Venerdì Santo a Termini Imerese è la più affollata di tutto l’anno, forse più di quella dell’Immacolata Concezione.

È un rito che si ripete da secoli e, come ogni anno, suscita nell’animo commozione e contrizione nel vedere i due simulacri sfilare per le vie della città.

Dai documenti risulta che la cappella dell’Addolorata fu fatta costruire a spese di Giovanni Fina, il quale fece scolpire la pregiata ed espressiva Addolorata, d’apprima chiamata Madonna dei Sette Dolori.

Anche il magnifico Crocifisso/Cristo morto in cartapesta, avente le braccia snodabili, fu commissionato anche in questo periodo.

Nel 1820 nella chiesa di San Giuseppe, dove sono custoditi i sacri simulacri, venne istituita con decreto la confraternita di Maria SS. Addolorata e del Cristo Morto della Soledad, la quale oggi ne continua a coltivare il culto e la devozione in un mesto e contrito spirito di sacrificio portando a spalle i due simulacri.

 

GUARDA IL VIDEO


LA PROCESSIONE

(foto gentilmente concesse dalla confraternita di Maria SS. Addolorata e del Cristo Morto della Soledad, nelle persone di Enzo Giunta e Roberto Cipolla)


Processione Venerdi Santo 2007 1Processione Venerdi Santo 2007Processione Venerdi Santo 2008Processione Venerdi Santo 2016Processione Venerdi Santo 2017 1Processione Venerdi Santo 2017Processione Venerdì Santo 2019

PARTICOLARE DEGLI ARREDI

PARTICOLARI DEL CRISTO PRIMA E DOPO IL RESTAURO

 


 

PARTICOLARI DELLA ADDOLORATA PRIMA E DOPO IL RESTAURO

http://